Visita reumatologica

visita-reumatologica

Dott. Filippo Luccioli

Reumatologo - Diagnostica Ecografica

Cos’è la visita Reumatologica?

La visita reumatologica è una visita medica che viene eseguita dal medico specialista reumatologo. Essa ha come obiettivo l’individuazione della malattia reumatica e la scelta della cura più appropriata.

A che cosa serve?

La visita reumatologica serve per diagnosticare le patologie interessanti il tessuto connettivo, le articolazioni (e le strutture articolari) e le ossa, che non siano direttamente derivanti da traumi. La maggior parte di queste patologie ha un’origine infiammatoria, come le artriti e le connettiviti, altre derivano da una degenerazione delle articolazioni, che inizia da un danno della cartilagine, come l’artrosi.
Fanno parte delle malattie reumatiche anche le patologie che interessano i vasi (arterie e vene), le cosiddette arteriti – la cui sintomatologia è estremamente varia e dipende dal vaso (o vasi) interessati (ad esempio: cute, cuore, occhi) e anche alcune malattie dei muscoli.
Da quanto sopra, si capisce come i sintomi delle malattie reumatiche siano estremamente vari: sono spesso presenti dolore delle articolazioni, stanchezza e febbre. Qualche volta la malattia reumatica può esordire con le “mani bianche”, con le dita della mano, cioè, che tendono a perdere il loro colorito roseo per apparire bianche.

Cosa fà il reumatologo?

Nel corso della visita reumatologica, oltre a un’attenta anamnesi ed esame obiettivo, il reumatologo potrà richiedere alcuni accertamenti:
• esami del sangue
• esami delle urine
• radiografie (ad esempio di articolazioni e torace)
• elettrocardiogramma e/o ecocardiogramma
• TAC (tomografia assiale computerizzata)
• risonanza magnetica.
Nel caso in cui ce ne sia necessità, il medico reumatologo può eseguire esami specifici quali l’ecografia articolare, l’artrocentesi, l’infiltrazione articolare, e la capillaroscopia.
La prima, l’ecografia articolare, consiste nell’esaminare in modo completamente indolore l’articolazione e le sue strutture per valutare se è presente infiammazione; l’artrocentesi, in alcuni casi eseguita sotto guida ecografica, consiste nel prelevare il liquido che si è formato nell’articolazione; con l’infiltrazione articolare si intende una manovra estremamente semplice con la quale si inietta un farmaco nell’articolazione sofferente, in genere cortisone o acido ialuronico; la capillaroscopia è una tecnica assolutamente incruenta e indolore, tramite la quale il reumatologo esamina i piccoli vasi delle dita, in genere delle mani.