Cos’è la Visita Ostetrica?

Si tratta della prima visita medica a cui si sottopongono le future mamme poco dopo che hanno accertato di essere incinte.

In cosa consiste e come si svolge?

Il medico specialista compila per prima cosa la cartella ostetrica completa di tutti i dati di anamnesi. Per far questo chiede ai futuri genitori dati anagrafici, storia personale e malattie presenti in entrambe le famiglie: questi dati servono a valutare quale patrimonio genetico potrebbe aver ereditato il bambino e a quali patologie potrebbe essere incline.
Altre domande riguarderanno la storia mestruale e ostetrica della donna, eventuali gravidanze o allattamenti precedenti.

La visita ostetrica continua con la valutazione del seno e la palpazione dell’addome. Seguirà la valutazione della colonna: sarà chiesto di camminare e piegarsi in avanti per poter rilevare eventuali asimmetrie utili da sapere ai fini del parto.

L’ultima fase riguarda l’ispezione e la palpazione interna, cioè una visita vaginale che andrà a valutare il tono dei tessuti, la posizione e la situazione uterina, eventuali perdite.
Prevede piccole spinte e manovre per verificare la posizione dell’utero, assolutamente innocue per il bambino.
Seguiranno altre visite periodiche in base allo sviluppo della gravidanza al fine di monitorare la situazione in vista del parto.