Introduzione

La borsite sub-acromiale (borsite S.A.D.), anche detta borsite alla spalla, è una delle patologie dell’articolazione della spalla più comuni.

Il dolore alla spalla può avere diverse cause ma se è affrontato correttamente, mediante un percorso fisioterapico mirato, può essere risolto in tempi brevi ma soprattutto evitare la cronicizzazione della patologia.

Cos’è la borsite

La borsite è un’infiammazione della borsa sierosa di un’articolazione, nella spalla la borsa è quella subacromiale che si trova tra l’acromion, e i muscoli deltoide e sovraspinoso.

Ci sono 160 borse sierose nel corpo umano. Le più grandi si trovano adiacenti ai tendini delle grandi articolazioni, come le spalle, i gomiti, i fianchi e le ginocchia per ridurre l’attrito di scorrimento tra le varie strutture anatomiche.

Esistono vari tipi di borse tra le principali abbiamo:

  • Borse sottocutanee: ad esempio la borsa olecranica a livello del gomito o la borsa prerotulea del ginocchio si trovano tra la cute e la superficie delle ossa “scoperte” non ricoperte da muscoli.
  • Borse muscolari: si trovano a dividere muscoli vicini che scorrono uno sull’altro.
  • Borse tendinee: si interpongono tra i tendini e le ossa sottostanti.

La funzione delle borse è quindi quella di diminuire l’attrito tra le ossa, tendini e muscoli, al loro interno infatti contengono una sostanza, chiamata sinovia, che serve per lubrificare e ridurre gli compressioni meccaniche a cui viene sottoposta durante il movimento.

Le borse sierose della spalla (borse sub-acromiali), sono situate sotto l’acromion (un’escrescenza della scapola), fra il deltoide e il sovra-spinoso, ossia fra i muscoli che permettono i movimenti della spalla. Spesso la borsite alla spalla è presente contemporaneamente a problemi della cuffia dei rotatori, in quel caso si parla o meglio si parlava, visto che è un termine obsoleto, di “periartrite scapolo-omerale”, a indicare una generale infiammazione delle strutture delle spalla.

Il termine periatrite rappresentava una “diagnosi” troppo generica che non permetteva di attribuire a nessuna struttura anatomica della spalla (cartilagine, tendini, capsula, muscoli, legamenti, nervi e ossa) il ruolo di causa del dolore o origine dei sintomi. Di conseguenza, quando la diagnosi non è precisa, anche i piani di trattamento risultano generici e poco efficaci. Tutto questo ci fa capire quanto è importante l’inquadramento clinico per determinare un piano di trattamento mirato per ogni paziente.

Per la borsite alla spalla è necessaria una stretta collaborazione tra ortopedico o fisiatra e fisioterapista per ottimizzare al massimo il management clinico del paziente.

Classificazione della borsite alla spalla

L’irritazione della borsa sub-acromiale può essere suddivisa in tre gruppi:

  • Il primo tipo, noto come borsite cronica, può dipendere da più fattori. Questo tipo è il più comune e si sviluppa nel tempo a causa dell’irritazione ripetitiva della borsa. La maggior parte delle persone affette da questo tipo di borsite non ha problemi predisponenti e l’infiammazione si verifica senza una ragione apparente. In realtà molto spesso le persone che hanno una quadro di borsite cronica, hanno un’ alterata qualità del movimento, con conseguente sovraccarico funzionale che fa gonfiare la borsa.
  • Il secondo tipo è noto come borsite infetta ed è più grave. In questo tipo, la borsa è infettata da batteri. Se l’infezione si diffonde, può causare altri problemi. In questo tipo di borsite è utile una terapia antibiotica, meglio se prescritta dopo l’esame del liquido della borsa.
  • L’ultimo tipo, tipicamente visto negli atleti, è noto come borsite traumatica (o borsite traumatica acuta). Dei tre tipi, è il meno comune. È dovuto ad un trauma diretto, allo sfregamento ripetitivo di un’estremità contro una superficie dura o all’eccessiva mobilità dell’articolazione.

 

Cause della borsite alla spalla

Esistono diversi modi di contrarre la borsite alla spalla, ma la causa scatenante è, solitamente, il sovraccarico dell’articolazione. Il fatto di assumere una postura errata può coadiuvare l’insorgere dell’infiammazione, ma come sappiamo grazie al controllo motorio e alla ginnastica posturale è possibile ritrovare il giusto equilibrio per prevenire e/o trattare questa patologia.

Vediamo le cause della borsite alla spalla:

  • Trauma. A causa di un incidente, la borsa si potrebbe irritare e infiammarsi o addirittura produrre un versamento ematico. Articolazione infiammata. Quando l’intera articolazione è infiammata, la borsa può a sua volta infiammarsi, per alterazioni del movimento e della funzionalità.
  • Sovraccarico. La ripetizione di un certo movimento può portare all’infiammazione della borsa a causa dell’attrito tra la stessa da un lato e un tessuto dall’altro (un tendine, un osso, un legamento).
  • Tendiniti recidivanti o altre patologie articolari a livello della spalla.
  • Disturbi cervicali, possono alterare la normale biomeccanica ed essere concausa dell’inizio della borsite della spalla.
  • Presenza di calcificazioni, valutabili attraverso ecografia o risonanza magnetica alla spalla.
  • Utilizzo eccessivo dello Smartphone, questo tipo di postura influenza negativamente tutto il distretto cervicale, spalle e colonna dorsale.
  • Utilizzo del Mouse, può provocare un’epicondilite al gomito, il gomito del tennista che a sua volta può cambiare la postura della spalla, a causa del dolore al gomito, e creare un sovraccarico della borsa della spalla.
  • Poggiarsi sui gomiti per lunghi periodi. Esercizi come il plank sono utili per l’allenamento di più gruppi muscolari ma devono essere svolti in modo graduale, rispettando eventualmente la debolezza iniziale dei muscoli della spalla.
  • Tipo di attività professionale (ad esempio pittore, giardiniere, falegname) possono essere attività usuranti per questo distretto anatomico.
  • Tipo di attività fisica praticata (come tennis, squash, padel, baseball, pallanuoto, pallavolo, ciclismo, sport di lancio).

La borsite è anche associata ad altri problemi. Questi includono patologie sistemiche come artrite, gotta, diabete e malattie della tiroide. In molte persone con questi problemi, abbiamo alterazioni chimiche o ormonali che possono facilitare l’insorgenza della patologia.

Sintomi della borsite alla spalla

La borsite alla spalla si verifica comunemente nelle persone di età superiore ai 30 anni, con una maggiore incidenza nelle donne. I pazienti più giovani e di mezza età hanno molte più probabilità di soffrire di borsite acuta rispetto ai pazienti più anziani, che svilupperanno più facilmente la sindrome della cuffia dei rotatori cronica.

I sintomi sono piuttosto evidenti e i pazienti affetti da questa patologia spesso hanno delle condizioni molto comuni:

  • Dolore della zona anteriore della spalla, durante il movimento.
  • Calore sulla zona infiammata.
  • Disagio quando si è sdraiati sulla spalla.
  • Dolore che peggiora quando si solleva il braccio di lato.
  • Dolore quando si spinge o si apre una porta.
  • Dolore se si fa un cerchio con il braccio.
  • Pressione e dolore quando si spinge sulla parte superiore della spalla.

Il dolore può essere lieve fino a diventare insopportabile e impedire qualsiasi tipo di movimento della spalla. Solitamente aumenta di notte, quando la borsa si riempie di liquido sinoviale e al risveglio rende impossibile e dolorosissimo qualsiasi movimento. La situazione migliora se si fanno movimenti (attivi o passivi). La borsa, infatti, si svuota leggermente, rilasciando il liquido sinoviale, facilitando la fluidità dei movimenti.

Come può essere diagnosticata? Quali sono i trattamenti da seguire? Per scoprirlo clicca qui.

Prenota un appuntamento con i nostri specialisti